4°E, F – IISC Primo Levi (Vignola)

L’idea imprenditoriale

Nella nostra società il tempo c una tra le risorse più preziose che abbiamo ma sempre più spesso tra noi giovani ascoltiamo frasi del tipo: “Mi manca il tempo per fare le cose che desidero” oppure “mi manca il tempo per pensare e capire le cose che mi piacciono e che vorrei fare.” “Mi manca il
tempo per cercare un Iibro che non trovo per camminare e farmi venire delle idee.”

Oggi il web e i social network chiudono le porte alla casualità del vivere le esperienze quotidiane e aprono le finestre ad altri tipi di casualità che ancora non conosciamo. La nostra società ha posto il denaro al centro dei propri interessi e lutto è misurato in tale termine, ma il denaro è un bene che può essere speso e rigenerato, il tempo no: una volta speso non torna più, quindi cerchiamo di farne tesoro spendendolo nel migliore dei modi. Per noi adolescenti, inoltre, il tempo inteso come tempo libero può diventare un’ottima occasione per cogliere la nostra nuova identità, per impiegare le nostre energie interiori in qualcosa di soddisfacente e per condividere “saperi” ed interessi con gli altri. Ed ecco che il tempo libero diventa uno spazio in cui essere sé stessi, confrontarsi, realizzarsi e anche aiutarsi, uno spazio in cui recuperare i rapporti interpersonali, per vivere la gratuità e la creatività, per godere del tempo e delle opportunità che I’altro ci offre, per sperimentare la libertà anche sotto forma di gioco e di inventiva. Ed in effetti il tempo libero può diventare anche un valido campo di sperimentazione di una società alternativa dove si impara a strutturare il tempo, a sacrficarsi, a mantenere gli impegni e la parola data. Come suggeriscono gli autori De Luca e Spalletta nel libro “Praticare il tempo”, noi tutti abbiamo bisogno di dare una struttura al nostro tempo perché quest ci dà Ia sensazione di vivere davvero e di esserne padroni”.

Da tale premessa nasce quindi l’idea di creare una community di ragazzi, uno spazio in cui si incontrano e si scambiano bisogni come il sapere, I’arte e il mestiere, dove si mettono a disposizione le proprie abilità in cambio di altre, uno spazio in cui ognuno offre aiuto ma ne riceve altro… uno spazio in cui non c’è posto per il denaro e dove si regala e si riceve del tempo: il nostro tempo libero!


L’impresa

Per Ia nostra community si ipotizza di una cooperativa di scambio reciproco di cose e competenze: un ritorno al “baratto”: ad esempio, io che sono capace ad utilizzare il computer ti insegno ad usare la posta elettronica e tu che sei capace nel preparare dolci, mi insegni a preparare una torta).

Si crea una piattaforma social dove è possibile iscriversi per offrire oppure usufruire delle prestazioni di servizi. Quindi utilizzare in modo alternativo gli strumenti che la tecnologia ci offre e adeguare i social network ad una realtà più tangibile, cosi da coniugare il virtuale con il reale per tentare un cambiamento nella società partendo proprio dal nostro agire quotidiano.

Occorre:

  • creare una piattaforma virtuale per gestire i soci
  • trovare un esperto per creare la piattaforma
  • trovare lo sponsor per la gestione dei costi di inizio attività
  • Svolgere attività di promozione attraverso altri social
  • tovare uno spazio dove incontrarsi fisicamente e scambiarsi il “tempo” e i “saperi”

Scopo di questa iniziativa è quello di creare all’intemo di una società prettamente virtuale in cui lo schermo del pc diventa un filtro tra noi e l’altro, tra noi e il mondo reale, un “luogo” dove recuperare rapporti, creare scambi, esprimere sé stessi… un po’come ritornare al passato dove come ci raccontano “i grandi” il muretto della città diventava il punto di ritrovo.


Il mercato

Vogliamo soddisfare esigenze primarie:

  • promuovere la cultura dello scambio del “Sapere”
  • sensibilizzare e modificare le abitudini dei giovani ma anche delle vecchie e future generazioni
  • sviluppare nuove forme di socializzazione
  • migliorare la qualità della vita e il benessere individuale e collettivo

ll target della nostra community è dai 14 anni in su. Sia per noi nativi digitali che per tutti gli altri rappresenta un’opportunità per andare oltre Io schermo, per vivere in modo vero ed autentico lo stare insieme attraverso Io scambio dei “Saperi”.


Risultati attesi

La community non ha uno scopo lucro ma vuole essere un’occasione di condivisione e di scambio del proprio tempo libero partendo proprio da quelle esperienze concrete e non virtuali, che nel mondo attuale risultano essere piuttosto carenti ma ancora necessarie. ll giudizio della community sarà misurato dal numero di adesioni alla piattaforma. Saranno lettori di valutazione anche Ia ricaduta positiva delle attività sui soci e Ia loro fidelizzazione alla partecipazione delle attività di scambio.