Bellacoopia Modena 2012

La Giornata Conclusiva del Concorso “Bellacoopia – Premio Liana Stradi”, rimandata nel maggio 2012 a causa del sisma che ha colpito l’Emilia e il modenese, si è svolta sabato 20 ottobre nella nuova location del Museo Casa Enzo Ferrari di Modena.

 

Anche quest’anno, gli amici della Strana Coppia di Radio Bruno hanno presentato i progetti imprenditoriali delle 8 classi finaliste di quest’anno.

FotoAl termine della gara, che ha visto la partecipazione di illustri rappresentanti del mondo istituzionale e imprenditoriale della provincia di Modena, si sono classificate quarte a parimerito: la IV A del Cattaneo-Deledda di Modena, la IV A del Dante Alighieri di Modena, le V E ed F dell’IPSIA Corni di Modena, la IV B dell’Istituto Barozzi di Modena, le V A,B,D,E dell’Istituto Luosi di Mirandola.

 

La medaglia di bronzo è andata ai ragazzi della III E dell’IPSIA Vallauri di Carpi, con la loro Coop Pet Care: una cooperativa che produce domocucce per animali domestici, integrando energie rinnovabili ed home automation: a loro va l’assegno di 1.400 euro.

 

Sul secondo gradino del podio si è piazzata la cooperativa “Tata ci 6?” dei ragazzi del triennio del Levi di Vignola: una cooperativa di tate, baby-sitter e animatrici a domicilio per bambini e ragazzi 0-14 anni. A loro il premio di 1.800 euro.

 

I vincitori di Bellacoopia 2012, vincitori del primo premio di 3.000 euro, sono gli alunni della IV A dell’IPSIA Don Magnani di Sassuolo con il progetto “Green Energy Park Cooperative”: aree verdi cittadine ecosostenibili ed energy park che producono energia elettrica attraverso pannelli fotovoltaici e dinamo che trasformano l’energia cinetica prodotta nel parco-giochi, immagazzinandola in celle a combustibile ad idrogeno. I ragazzi di Sassuolo si sono anche aggiudicati la medaglia d’argento al concorso Rete Regionale Bellacoopia.

 

Il trofeo Bellacoopia Factor, del valore di 900 euro, riconoscimento che va alla migliore presentazione di progetto è andato ai ragazzi della IV A del Dante Alighieri di Modena, che si sono dimostrati dei veri e propri “animali da palcoscenico”, offrendo una performance chiara, dinamica, ironica e divertente.

 

Infine, il premio Pari Opportunità del valore di 900 euro, novità dell’edizione 2012, è andato alla IV A dell’Istituto Cattaneo-Deledda e alla cooperativa “Che man’nostr” che produce e vende manufatti artigianali della tradizione popolare femminile, per “aver adottato le migliori soluzioni di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro in ottica di pari opportunità uomo/donna”.